Notizie utili dal sito della Regione Lazio per le vaccinazioni.

In linea con il Piano Strategico del Ministero della Salute, la prima fase della campagna di vaccinazione della Regione Lazio è stata indirizzata al personale sanitario e sociosanitario, al personale e agli assistiti ospiti dei presidi residenziali (fase 1a) e, dall’ 8 febbraio, alle persone ultraottantenni (fase 1b). Per questi ultimi, è prevista la conclusione della vaccinazione entro fine aprile.

La programmazione potrà essere soggetta a variazioni in funzione della effettiva disponibilità di vaccini e della previsione di dosi a disposizione.

In conformità con la Circolare del Ministero della Salute del 9 febbraio 2021, sono in corso le vaccinazioni delle PERSONE ESTREMAMENTE VULNERABILI, a partire da dializzati e trapiantati, con farmaci a mRNA.

I pazienti affetti da condizioni che, per danno d’organo pre-esistente o compromissione della risposta immunitaria a SARS-CoV-2, presentano rischio particolarmente elevato di forme gravi o letali di Covid-19 (All. 3 della Circolare del Ministero della Salute del 9 febbraio 2021), saranno contattati dai centri di riferimento e dalle strutture che li hanno in carico oppure dalle ASL di competenza.

Con la disponibilità del vaccino di AstraZeneca, indicato per la popolazione nella fascia di età compresa tra i 18 e i 65 anni (anno di nascita 1956), ad eccezione dei soggetti estremamente vulnerabili, si è reso possibile l’avvio della vaccinazione per questa fascia di popolazione.

In conformità con le indicazioni nazionali, la priorità è stata data a categorie esposte a maggior rischio di infezione: personale delle Forze Armate e di Polizia (dal 15 febbraio), personale dei servizi educativi dell’infanzia, il personale scolastico e delle università (dal 22 febbraio) e, a seguire, gli Istituti penitenziari. Dal 1º marzo verrà avviata la vaccinazione degli assistiti su chiamata attiva da parte del medico di medicina generalea partire dall’anno di nascita 1956, in base alla capacità vaccinale regionale.

L’efficacia dei vaccini disponibili è molto alta, tuttavia ancora non è noto in maniera definitiva se la vaccinazione impedisca solo la manifestazione della malattia o anche il trasmettersi dell’infezione.

Anche dopo la vaccinazione, occorre pertanto
UTILIZZARE LE MASCHERINE – PRATICARE L’IGIENE DELLE MANI – GARANTIRE IL DISTANZIAMENTO

Di admin