DONAZIONI

SOSTIENI ANCHE TU LE ATTIVITÀ DELLA PROTEZIONE CIVILE ROMA AURELIO

 

La nostra associazione ha bisogno di materiali e mezzi per portare avanti le attività di aiuto e soccorso.

I materiali hanno un periodo di usura, i mezzi hanno necessità di manutenzioni periodiche, i DPI (divise, caschi, guanti, stivali, ecc.) hanno scadenza (decadimento che pregiudica lo standard di sicurezza) pertanto questi costi sono ricorrenti e a totale carico dei volontari.

Per operare sempre secondo le normative vigenti ed in totale sicurezza, un aiuto da parte tua può consentirci di poter crescere e continuare la nostra opera di solidarietà.

I volontari della Protezione Civile Roma Aurelio mettono a disposizione la loro opera sempre a titolo gratuito, senza alcuna retribuzione economica.

Usa il nostro IBAN per una donazione, contattaci per aver informazioni su come dare un aiuto oppure diventa un volontario come noi.

IBAN: IT54O0832703234000000002972

Intestato a “Roma Aurelio” Associazione Volontari di Protezione Civile

Le donazioni, in denaro o beni, sono fiscalmente detraibili!

LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS

Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti soggetti all’IRES, in particolare società ed enti commerciali e non commerciali, possono dedurre dal reddito complessivo, in sede di dichiarazione dei redditi, le liberalità in denaro o in natura erogate a favore delle ONLUS, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui (più specificatamente, l’erogazione liberale è deducibile fino al minore dei due limiti). Più precisamente: • ai fini della deducibilità dal reddito, le erogazioni liberali in denaro devono essere effettuate tramite banca, ufficio postale, carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari; • le erogazioni liberali in natura devono essere considerate in base al loro valore normale (prezzo di mercato di beni della stessa specie o similari); il donatore, in aggiunta alla documentazione attestante il valore normale (listini, tariffari, perizie, eccetera), deve farsi rilasciare dal beneficiario una ricevuta con la descrizione analitica e dettagliata dei beni erogati e l’indicazione dei relativi valori.